«

»

Stampa Articolo

Elena Gambino: R. Elé D’ARIA

R.Ele'-DAria

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” (Antoine-Laurent de Lavoisier)… Ed ecco che nel 2010 la sfortuna di bucare una gomma diventa un’idea che vede trasformarsi una camera d’aria in una borsa anzi, una collezione di borse e accessori.

Sono sempre stata una sostenitrice della filosofia del riciclo e ho sempre avuto la capacità di trovare utilizzi alternativi a qualsiasi oggetto di uso comune. Il materiale di scarto diventa per me fonte inesauribile di ispirazione. Con un po’ creatività e tanta voglia di esprimere me stessa riesco a “mescolare i giusti ingredienti” abbinando rispetto per l’ambiente, eleganza, classe, innovazione e  qualità. Riesco cosi a riscattare materiali usati e logori dal loro triste destino in discarica, riproponendoli in nuove e inaspettate creazioni non convenzionali.

Dopo aver recuperato la materia prima, la taglio in modo grossolano e la lavo in lavatrice utilizzando un sapone biodegradabile al 100% a base di olio di cocco.

Una volta ultimate le operazioni preliminari ha inizio la progettazione, che avviene in concomitanza con la realizzazione pratica dell’oggetto. Durante queste fasi di lavorazione, per me è fondamentale tenere in considerazione le caratteristiche del materiale e la sua “volontà” ad assumere o meno una determinata forma, motivo per cui progettazione e realizzazione sono in costante evoluzione. Ciò mi consente di dare vita a pezzi unici che sono sempre diversi e difficilmente ripetibili.

 

“Nothing is created, nothing is destroyed, everything is transformed” (Antoine-Laurent de Lavoisier) … And then in 2010 the misfortune of getting a puncture becomes an idea that transforms an air bag into a collection of handbags and accessories.

I’ve always been an advocate of the philosophy of recycling and have always had the ability to find alternative uses for any common object.  Waste material have become an inexhaustible source of inspiration. With a little ‘creativity and the desire to express myself I can “mix the right ingredients” combining respect for the environment, elegance, class, innovation and quality. So I can transform the materials used and worn by their sad fate in landfills, representing them in new, unexpected  and unconventional creations.

After retrieving the raw material,  it is cut roughly and washed in the washing machine using a biodegradable soap made ​​from 100% coconut oil.

After the completion of this, the preliminary design begins, which happens to coincide with the practical realization of the object. During these phases, for me it is essential to take into account the characteristics of the material and its “willingness” whether or not  to take a particular form. This is why the design and construction process is constantly changing. This allows me to create unique pieces that are always different and cannot be replicated.

 

Ciatu (8)
Ciatu (9)
Ciatu (10)
Ciatu (11)
Ciatu (2)
Ciatu (3)
Ciatu (4)
Ciatu (5)

Permalink link a questo articolo: http://www.alabpalermo.it/alab/elena-gambinor-ele-daria/